Le balle sull’evasione italiana

Ormai siamo alla farsa totale ! Ogni giorno escono nuove cifre sulla PRESUNTA evasione. 100,200 , ora 300 MILARDI di euro di evasione…

La prima domanda è: ma i nostri politici sanno ragionare in termini di euro o sono ancora alla lira ?

Cerchiamo di capire come stanno la cose, tenendo comunque presente che logicamente dati ufficiali non ce ne possono essere, perchè se sapessero quanto è esattamente l’evasione significherebbe che l’avrebbero accertata e quindi recuperata !

Facciamo perciò un piccolo ragionamento cercando di analizzare il nostro pil. Esso è formato da beni che non possono essere sommersi per molte categorie.

L’energia elettrica non si può pagare in nero, l’automobile neppure, l’abbonamento ai trasporti pubblici no, l’affitto /acquisto mutuo neppure (o almeno è estremamente pericoloso, con grossissimi rischi da parte di proprietario e inquilino), non può essere in nero l’abbonamento del telefono di casa, a internet, il cellulare, i carburanti, il riscaldamento, gli acquisti nei supermercati e nella Grande distribuzione in genere.

Chiamiamo questa la FASCIA 1, totalmente ineludibile. Di NERO qui non se ne parla proprio !

Poi abbiamo la FASCIA 2, dove ci può essere una parziale eludibilità
In questa fascia possiamo comprende gli acquisti fatti in negozietti familiari, i ristoranti e le pizzerie, i prodotti artigianali, le manutenzioni immobiliari, e simili. Questa è una fascia dove si può fare del mero, ma solo in parte in quanto per gran parte anche i prodotti di questa fascia sono necessari per la produzione di beni a ciclo industriale e tale produzione non può avvenire totalmente in nero in tutta la sua filiera in quanto una azienda VUOLE la fattura SEMPRE e COMUNQUE.

Vediamo infine la FASCIA 3
In questa fascia ci sono i servizi puri che sono eludibili per la quasi totalità: servizi dei professionisti, servizi di babysitter e collaboratrici domestiche, traslochi insomma tutti quei sevizi che per essere erogati non necessitano di merci prodotte a livello industriale e che pertanto non lasciano traccia.

Se pensiamo all’intea vita di un consumatore tipo, la Fascia 1 (ineludibile) rappresenta sempre il maggiore importo rispetto al’intera spesa, la fascia 2 meno (diciamo dal 10% al 20% del totale) e la fascia 3 ancora meno !

Ora facciamo due conti semplici semplici:
Diciamo che la fascia 2 incide per il 20% sulla spesa generale e che venga evasa al 50%
Diciamo che la fascia 3 incide per il 10% e qui consideriamo una evasione TOTALE

Bene, se ogni appartenente alle fascie qui sopra elencate non emettesse MAI uno scontrino o una fattura, arriveremmo pertanto al 10% del pil evaso. Avremmo cioè 300 miliardi di evasione. ATTENZIONE però: DI IMPONIBILE !!!!! NON DI TASSE !!!!!

Dobbiamo però aggiungere che per molte categorie ci sono gli studi di settore, pertanto non è possibile evadere totalmente, già è difficile arrivare al 50% dell’evasione, cioè 150 miliardi di euro.

Per fare i conti seri, diciamo che l’evasione arriva al 30%, cioè arriviamo a malapena a 100 miliardi di imponibile, cioè 40/50 miliardi massimo di tasse evase

Pertanto ormai è assodato che qualsiasi politico di qualsiasi schieramento, poichè non ha nessuna idea propria sbandiera questa araba fenice dell’evasione per fare solo del populismo.

Se invece avessero un po’ di conoscenza dell’economia e della finanza capirebbero che il fenomeno molto più grave è quello dell’ ELUSIONE perchè lì ci marciano alla grande le multinazionali con sede in italia e le grandi industrie !

Ma si sà, gli amici non si toccano !

PS nell’evasione ho calcolato anche il “fatturato” della criminalità…come pensano di riscuotere le tasse da quelle persone ?

Questa voce è stata pubblicata in Finanza. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.